Il marketplace lending secondo la CONSOB

lisbon-4401269_960_720.jpg

La Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB) ha pubblicato un nuovo Quaderno FinTech intitolato “Marketplace lending. Verso nuove forme di intermediazione finanziaria?”.

Il c.d. marketplace lending è uno fra i fenomeni più interessanti in ambito FinTech, non solo per la rapidità con cui negli ultimi anni, specie in Paesi diversi dall’Italia, è venuto ad espandersi in termini di volumi (sia pure ancora limitati quanto a valore assoluto), ma soprattutto per il carattere innovativo dei modelli di business in cui il fenomeno stesso si traduce: modelli in grado di mettere in discussione consolidate partizioni e categorie del settore finanziario, ponendo rilevanti questioni dal punto di vista della strategia regolatoria.

Il c.d. marketplace lending è un modello operativo di business nuovo, alternativo alle forme di finanziamento tradizionali riconducibile, per un verso, all’applicazione al settore dei servizi finanziari di tecniche di intermediazione digitale sviluppate nell’e-commerce e, per un altro, al più ampio ambito del crowdfunding.

Si connota per l’essere imperniata sulla raccolta di finanziamenti da parte di soggetti privati (individui o imprese), effettuata tramite una piattaforma, normalmente accessibile via internet.

Per la CONSOB tale novità “ha il pregio di mettere l’accento sul profilo che può dirsi più peculiare di tale nuovo modello operativo: il trattarsi di una attività organizzata in modo tale da assemblare (in modo nuovo e originale rispetto ai modelli tradizionali grazie alla presenza della piattaforma) la prospettiva creditizia (lending) con quella del mercato (marketplace)”.

Il Quaderno è articolato in tre parti:

  • inquadramento generale del fenomeno, a partire dalla struttura portante del marketplace lending, ovvero la piattaforma digitale, di cui vengono messi in luce i tratti caratterizzanti e il dibattito in corso sull’opportunità di un intervento regolatorio riferibile in generale a tale modello operativo (cioè, indipendente dallo specifico mercato in cui esso opera), oltre che rivolto in modo puntuale alle piattaforme che offrono servizi di crowdfunding;
  • analisi in chiave economica del marketplace lending, attraverso un’analisi – distinta per il mercato internazionale e per quello domestico – dei principali modelli di business utilizzati dalle piattaforme e i loro volumi di attività. Dato il ruolo centrale e caratterizzante giocato dalla valutazione del merito creditizio dei richiedenti nel novero dei servizi offerti dai lending marketplace ai loro utenti, ad viene riservata una analisi ad hoc (con particolare attenzione alle modalità innovative attraverso cui tale servizio viene reso);
  • analisi in chiave giuridica della struttura e del funzionamento dei lending Marketplace, con particolare valutazione di congruità al nuovo istituto delle normative che presidiano, per lo più a livello europeo, il settore finanziario in senso lato: dai temi più classici quali quello della raccolta del risparmio e/o erogazione del credito, della prestazione di servizi di pagamento e di servizi di investimento, agli argomenti che presentano maggiori criticità come le discipline antiriciclaggio e usura, alle normative di più ampia portata come la tutela dei consumatori e la protezione dei dati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...