La prorogatio della durata in carica nelle associazioni: applicazione analogica delle norme societarie

germany-2714706_960_720.jpg

Chiamata a giudicare in sede di legittimità un caso di cui si era occupata la Corte d’Appello di Napoli che, a sua volta, aveva sovvertito l’esito del giudizio di prime cure del Tribunale Partenopeo, la Suprema Corte ha recentemente confermato l’applicabilità analogica in materia di associazioni dell’art. 2385 Cod. Civ. nato per gestire il tema della continuità delle carica dei membri del Consiglio di Amministrazione delle società per azioni.

Tale norma, introducendo così il principio della c.d. prorogatio della durata in carica, mirato a garantire la presenza di soggetti deputati all’amministrazione della società senza soluzione di continuità, prevede che “la cessazione degli amministratori per scadenza del termine ha effetto dal momento in cui il consiglio di amministrazione è stato ricostituito” (Cass. Civ., 24214/2019).

La Cassazione ha statuito che per le associazioni non riconosciute come per le società, quindi, in applicazione analogica dell’art. 2385 c.c., salvo diversa volontà dell’ente fissata dallo statuto o espressa dall’assemblea degli associati, gli organi legittimati ad esprimere la volontà dell’ente permangono in carica finché […] non sono sostituite da altre, sulla base di una presunzione di conformità di una siffatta «perpetuatio» all’interesse ed alla volontà degli associati, in quanto volta a consentire il normale funzionamento della associazione”.

Gli Ermellini, cassando la causa e rinviandola alla Corte d’Appello di Napoli in diversa composizione, hanno ribadito un principio generale già presente nella giurisprudenza della Corte (Cass. Civ., 5738/2009; Cass. Civ.,1476/2007) che era stato confermato addirittura in tema di continuità gestionale del condominio (Cass. Civ., 12120/2018; Cass. Civ.,15858/2002).

Ciò dal momento che “nelle associazioni non riconosciute, in mancanza di norme più dettagliate o di una diversa volontà espressa dagli associati, è possibile fare ricorso, in via analogica, alle disposizioni che regolano casi simili in materia di associazioni riconosciute o di società, compatibilmente con la struttura di ogni singolo rapporto”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...