Diffusione di informazioni non definitive in materia di manipolazione del mercato

staircase-274614_960_720

L’art. 185 del TUF disciplina il reato di manipolazione del mercato, punendo “chiunque diffonde notizie false o pone in essere operazioni simulate o altri artifizi concretamente idonei a provocare una sensibile alterazione del prezzo di strumenti finanziari”.

A tale proposito, la Suprema Corte, pronunciandosi su un ricorso proposto da Consob avverso una sentenza della Corte d’Appello di Milano, ha confermato che la pubblicazione mediante comunicato stampa di “dati di bilancio [non] ancora approvati dall’assemblea dei soci e [pertanto non] divenuti definitivi” non può essere considerata penalmente irrilevante per il solo fatto di tale provvisorietà (Cass. Pen. 15/2020).

Secondo gli Ermellini, infatti, tali dati sono pur sempre dotati di “crismi dell’ufficialità” e approvati dal consiglio di amministrazione, tenuto conto che in ogni caso “sarebbero stati poi sottoposti all’approvazione dell’assemblea ma che [rivestono già a seguito dell’approvazione consiliare] l’ufficialità e la concretezza derivanti da tale previa, necessaria, deliberazione”.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...