La responsabilità per reati ambientali colposi secondo il D. Lgs. 231/2001

power-station-374097_960_720

La Suprema Corte, in un giudizio di impugnazione avverso una sentenza della Corte d’Appello di Milano, si è pronunciata sulla compatibilità dei reati ambientali colposi individuati dall’art. 25-undecies comma 2 lett. a) del D. Lgs. 231/2001 rispetto al generale impianto normativo del Decreto, fondato sulla responsabilità dell’ente per illeciti commessi nel suo interesse o a suo vantaggio.

A tal proposito, la Cassazione ha ribadito – riprendendo un proprio noto orientamento – che “i concetti di interesse e vantaggio, nei reati colposi d’evento, vanno di necessità riferiti alla condotta e non all’esito antigiuridico” (Cass. Pen., 3157/2020).

Secondo gli Ermellini “Tale soluzione non determina alcuna difficoltà di carattere logico: è ben possibile che una condotta caratterizzata dalla violazione della disciplina cautelare e quindi colposa sia posta in essere nell’interesse dell’ente o determini comunque il conseguimento di un vantaggio […]”.

L’adeguamento del comportamento penalmente rilevante alla fattispecie riguarda solo l’oggetto della valutazione che coglie non più l’evento bensì solo la condotta, in conformità alla diversa conformazione dell’illecito; e senza, quindi, alcun vulnus ai principi costituzionali dell’ordinamento penale.

Per la Corte – che ha tenuto conto dei precedenti della propria giurisprudenza (Cass. Pen., 38343/2014; Cass. Pen., 24697/2016) – “tale soluzione non presenta incongruenze: è ben possibile che l’agente violi consapevolmente la cautela, o addirittura preveda l’evento che ne può derivare, pur senza volerlo, per corrispondere ad istanze funzionali a strategie dell’ente”.

In ragione della rilevanza che ha questa pronuncia ai fini della responsabilità amministrativa da reato degli Enti, coloro che hanno adottato un Modello di organizzazione, gestione e controllo con funzioni di prevenzione e contrasto dei reati sanzionati dal D. Lgs. 231/2001 hanno, pertanto, l’obbligo di aggiornare la propria normativa interna in tal senso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...